Una razza e una carne originaria delle nostre regioni 

e adatta al nostro territorio 

Grigia Retica

 

Storia

Il bovino Grigio Retico era molto diffuso sull’arco alpino fino al 1920, quando venne gradualmente sostituito da razze bovine con una maggiore produzione di latte. Si distinguevano due sottorazze principali: il piccolo bovino grigio dell’Albula, ed il più grande “Oberländer”. Nel 1985 Pro Specie Rara ed alcuni allevatori recuperarono In Tirolo alcuni bovini piccoli simili ai vecchi ceppi del bovino grigio dell’Albula. Gli animali furono reimportati nei Grigioni e costituirono la base genetica dell’attuale Bovino Grigio Retico, adatto per gli alpeggi più impervi e ai foraggi più poveri.

 

La sua carne

Animale robusto, adattabile e longevo, buon produttore sia di latte che di carne. La sua carne è gustosa, dalla fibra fini e con un ottimo rapporto carne/grasso. 

Razza frugale, si accontenta di foraggio grezzo e si trova a suo agio anche in regioni montane estreme. Grazie al suo piccolo peso e agli zoccoli relativamente larghi, si adatta quindi perfettamente al pascolo degli alpeggi. Simpatica, docile e vitale.

 

Descrizione

Alta tra 116 e 128 cm al garrese, peso tra i 350 e i 700 kg, produce in media 3'600 kg di latte a lattazione.

 

© 2015 by La Caldera 

Loghi e Immagine Coordinata di Silene Madonna

  • facebook-square
  • google-plus-square
  • Twitter Square